Come conservare gli gnocchi: tutti i metodi consigliati

Come conservare gli gnocchi

Deliziosi e versatili, gli gnocchi sono un vero passepartout, la soluzione che risolve un pranzo o una cena (anche perché cuociono in fretta e si possono condire in mille modi).

È vero, si possono acquistare al supermercato, ma volete mettere la soddisfazione di farli in casa usando ingredienti scelti personalmente?

Prepararli del resto è abbastanza semplice, ma come conservare gli gnocchi fatti in casa?

Può sembrare strano, ma gli gnocchi si conservano meglio a temperatura ambiente o in congelatore, piuttosto che in frigo: in pratica, non amano le mezze misure!

Vediamo insieme i metodi e gli accorgimenti necessari alla loro corretta conservazione.

Come conservare gli gnocchi crudi a temperatura ambiente

Se avete preparato gli gnocchi in anticipo rispetto al momento di cuocerli potete tenerli a temperatura ambiente per qualche ora.

Per conservarli al meglio procedete in questo modo:

  • Adagiate delicatamente gli gnocchi, ben distanziati tra loro, su un vassoio infarinato;
  • Cospargeteli in superficie con un velo di farina e copriteli con un canovaccio pulito e asciutto;
  • Poggiate il vassoio su un piano in un luogo fresco e asciutto, lontano da fonti di luce e di calore;
  • Al momento di tuffarli in pentola, ricordate di eliminare la farina in eccesso.

Ma quanto tempo prima si possono fare gli gnocchi?

In realtà, non molto: tra la loro realizzazione e la cottura possono passare anche alcune ore, purché si tratti di un intervallo breve, che permetta di conservarli a temperatura ambiente (specie se nell’impasto sono state utilizzate anche le uova).

Come conservare gli gnocchi crudi in frigo

Se state pensando di prepararli in casa, probabilmente la domanda che vi viene subito in mente è: gli gnocchi si possono fare il giorno prima?

In teoria sì, in pratica invece la preparazione troppo anticipata rispetto alla cottura fa sorgere un problema relativo alla conservazione che, in questo caso, dovrebbe avvenire in frigo.

Gli gnocchi crudi infatti possono essere conservati in frigo per non più di 20/24 ore, ma la temperatura moderatamente fredda potrebbe alterarne la consistenza rendendoli gommosi o, peggio, facendoli indurire.

Meglio quindi tuffarli in acqua bollente subito dopo averli preparati e conservarli già cotti in frigo, pronti da scaldare velocemente in padella insieme al condimento.

Come conservare gli gnocchi cotti

Se vi è avanzata qualche porzione di gnocchi cotti e conditi potete conservarli in frigorifero: una volta che si saranno raffreddati riponeteli all’interno di un contenitore in vetro con coperchio a chiusura ermetica.

Si manterranno ben conservati per 2/3 giorni e, per evitare che subiscano uno shock termico, basterà tirarli fuori dal frigo qualche ora prima di scaldarli.

Prima di consumare gli gnocchi cotti conservati in frigo saltateli velocemente in padella con un po’ dello stesso condimento o, se non ne avete più a disposizione, aggiungete solo un filo di olio EVO.

Come congelare gli gnocchi cotti e crudi

Gnocchi fatti in casa

Non solo gli gnocchi di patate si possono congelare ma anzi: il congelamento è il sistema di conservazione più adatto quando si decide di prepararli in anticipo, dato che gli gnocchi in freezer si mantengono intatti fino a 8 settimane.

Per congelare gli gnocchi fatti in casa basta eseguire alcuni semplici (ma obbligatori) passaggi:

  • Dopo averli preparati, lasciate asciugare gli gnocchi a temperatura ambiente per circa 60 minuti: questo tempo di riposo serve per fare in modo che gli gnocchi si solidifichino e, al momento di utilizzarli, tengano meglio la cottura, senza sfaldarsi;
  • Disponete gli gnocchi ben distanziati tra loro, su un vassoio infarinato e coperto con un canovaccio asciutto, quindi metteteli in freezer;
  • Dopo 3 ore, o comunque quando gli gnocchi saranno completamente congelati, potrete trasferirli in uno o più sacchetti di plastica per alimenti e quindi conservarli in congelatore fino al momento in cui deciderete di consumarli.

Quando vorrete gustare i vostri gnocchi fatti in casa tirateli fuori dal freezer e tuffateli direttamente nella pentola di acqua bollente, quindi scolateli con cura e conditeli a piacere.

Si possono congelare anche porzioni di gnocchi già cotte e condite: in questo caso però il tempo di conservazione si abbrevia notevolmente, riducendosi a non più di 3 settimane.

Ma non solo: una volta tolti dal freezer si rischia di ritrovare gli gnocchi già cotti meno consistenti e privi della fragranza e del gusto che li contraddistingue quando sono appena preparati.

Per questo vi suggeriamo di congelare gli gnocchi ancora crudi e di conservare quelli già cotti in frigorifero, ricordandovi di consumarli entro un giorno o al massimo 2.

Come conservare l’impasto degli gnocchi fatti in casa

Forse, a questo punto vi è venuto in mente di preparare l’impasto e conservarlo per poter realizzare gli gnocchi in seguito: possibile da realizzare, in teoria, ma sconsigliabile da fare a livello pratico.

Gli gnocchi infatti vanno impastati velocemente e la ragione di tanta rapidità ha una spiegazione tecnica ben precisa: più tempo si perde durante l’impasto e più si rischia di attivare il glutine della farina, che renderebbe gli gnocchi collosi.

Stando così le cose il nostro suggerimento è quello che segue: impiegate mezz’ora in più del vostro tempo e preparate gli gnocchi, quindi conservateli crudi e già pronti con le modalità viste prima.

In questo modo sarete sicuri di gustarli al meglio e di non vanificare l’impegno che vi è servito per realizzarli.

2 commenti su “Come conservare gli gnocchi: tutti i metodi consigliati”

  1. Posso consigliare un altro metodo io li cuocio li scolo li immergo nella acqua fredda per fermare la cottura poi li scolo di nuovo li metto dentro un recipiente con solo olio di semi .
    li mantiene lisci e non si attaccano tra loro il giorno dopo li butto in acqua bollente salata li scolo e li condisco provate .È un metodo che qui in paese si faceva per la sagra non si potevano congelare 2 o 3 quintali di gnocchi è un metodo molto sicuro .si possono fare 1 o 2 giorni prima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.