Come decalcificare la macchina del caffè

Come decalcificare la macchina del caffè

Per ottenere sempre un buon caffè, oltre che comprare la migliore macchina da caffè, è necessario aver cura degli ingredienti e degli strumenti utilizzati.

Dopo aver visto quale acqua usare, in questo articolo vi spiegheremo come decalcificare la macchina del caffè (di qualsiasi tipologia), ovvero come eliminare con facilità i residui di calcare che si annidano al suo interno.

Non ci limiteremo però ad elencare gli step da seguire, ma vi mostreremo anche quando farlo e quali prodotti utilizzare.

Quando decalcificare la macchina del caffè?

Come sappiamo l’acqua, che sia del rubinetto o in bottiglia poco importa, contiene una quantità variabile di sali di calcio e magnesio i quali, una volta surriscaldati, si cristallizzano formando il calcare.

Ma come capire quando è il momento di togliere il calcare dalla macchinetta del caffè?

Fortunatamente ci sono particolari “sintomi” tipici dell’accumulo di cristalli, ovvero:

  • La macchina è più rumorosa del solito;
  • Il caffè viene erogato più lentamente del solito;
  • Il caffè erogato è freddo;
  • Il caffè erogato ha un insolito retrogusto amaro.
decalcificare macchina del caffè quando presenta problemi

Il periodo che passa da una decalcificazione all’altra dipende dal numero di caffè erogati ma anche dalla durezza dell’acqua utilizzata, pertanto stimare un lasso di tempo che va bene per tutti è praticamente impossibile.

Il linea di massima possiamo dire che è buona norma procedere con la decalcificazione ogni 3-4 mesi o, per chi la usa più volte al giorno, ogni 300 caffè erogati.

In ogni caso sono molte le macchinette che segnalano quando è il momento attraverso una spia luminosa, soprattutto quelle automatiche.

Quale decalcificante utilizzare?

Quali decalcificanti utilizzare per pulire la macchina da caffè dal calcare? Per riassumere abbiamo 2 possibilità: i prodotti già pronti all’uso e i rimedi naturali.

Nel caso in cui si decidesse di acquistare un decalcificante già pronto, è importante sceglierne uno con materie prime di alta qualità ma soprattutto di origine vegetale, biodegradabili e non inquinanti.

decalcificante commerciali EcoDescalk

Tra i prodotti in commercio, dal momento che per legge le aziende non sono obbligate a specificare gli ingredienti, consigliamo l’EcoDescalk (miglior rapporto qualità/prezzo) o il più costoso EcoDecalk De’Longhi, entrambi compatibili per qualsiasi macchina.

Per quanto riguarda la decalcificazione in modo naturale, diciamo subito che il bicarbonato è inutile contro il calcare.

acido citrico per decalcificare macchina da caffè

Consigliamo invece l’utilizzo di 180 g di acido citrico sciolto in 1 L d’acqua, in quanto è la soluzione fai-da-te migliore per sciogliere il calcare e allo stesso tempo preservare i materiali della macchinetta stessa (non è facile da trovare nei negozi, quindi in alternativa vi consigliamo questo qui visto il prezzo conveniente).

In tanti prediligono e consigliano una soluzione di acqua e aceto, ma facciamo notare che quest’ultimo è un agente eccessivamente corrosivo e potrebbe causare lo scioglimento di componenti plastiche.

Non è un caso se nella documentazione di molte macchine da caffè ne è tassativamente sconsigliato l’utilizzo, con conseguente perdita della garanzia in caso di guasto.

Quando preferire un metodo o l’altro?

In linea di massima per macchine a capsule, a cialde o manuali potete tranquillamente preferire il metodo casalingo, mentre per le più costose macchina da caffè automatiche vi invitiamo a seguire le istruzioni del produttore, acquistando il decalcificante indicato per motivi di sicurezza e per evitare qualsiasi tipo di problema con la garanzia post-vendita.

Iscriviti alla Newsletter

Per ricevere via email coupon esclusivi, offerte limitate e gli ultimi articoli sugli strumenti da cucina. Niente spam, provare per credere!

Come decalcificare la macchina del caffè?

Abbiamo visto quando decalcificare e quale decalcificante utilizzare, ora non resta che capire come decalcificare la macchina del caffè.

A seguire il procedimento standard comune alla maggior parte del modelli in commercio:

  • Rimuovere, svuotare e sciacquare il serbatoio dell’acqua;
  • Riempire il serbatoio con la soluzione composta da acqua e decalcificante (già pronto o fai-da-te);
  • Montare il serbatoio e accendere la macchina;
  • Posizionare un ampio contenitore sotto l’erogatore;
  • Erogare metà della soluzione;
decalcificare la macchina del caffè con il decalcificante
  • Lasciare agire il decalcificante per 15-20 minuti;
  • Erogare l’altra metà della soluzione;
  • Lasciare agire nuovamente il decalcificante per 15-20 minuti;
  • Rimuovere, sciacquare e riempire d’acqua il serbatoio;
  • Erogare tutta l’acqua;
  • Ripetere un’altra volta questa operazione;
  • Il ciclo di decalcificazione è concluso.

Come detto questo è quello standard, ma in realtà il procedimento cambia di macchina in macchina; in special modo quelle automatiche solitamente presentano dei programmi automatici già belli e pronti da avviare con il tocco di un pulsante.

Controllare sul manuale utente della vostra macchinetta per scoprire il procedimento giusto da seguire.

Un ultimo consiglio: usate la dose doppia di decalcificante nel caso non aveste mai eseguito un ciclo di decalcificazione durante i primi 6 o più mesi di utilizzo.

Torna su

Iscriviti alla Newsletter

* indicates required