Come scegliere la macchina del pane giusta

Come scegliere la macchina del pane giusta

La macchina del pane è uno dei più moderni elettrodomestici da cucina. Insieme alla friggitrice ad aria, è uno dei più richiesti sul mercato, utilissimo per chi adora fare il pane in casa e vuole una mano per l’impasto e la cottura.

Queste macchine riescono a ridurre al minimo l’attività umana, così da avere comunque un ottimo pane fatto in casa con il minimo sforzo e in poco tempo.

C’è da aggiungere poi che spesso sono in grado di sfornare una vasta varietà di pane, da quello in cassetta alle baguette anche senza glutine, ed i modelli più evoluti riescono a fare anche biscotti e basi per la pizza.

Aspetto secondario, ma non di poco conto, anche la possibilità di risparmiare, oltre al tempo anche il denaro.

I modelli in commercio sono diversi e spesso se non si ha esperienza è difficile scegliere e capire quale sia quello più adatto alle proprie esigenze. Per una scelta ponderata e consapevole entrano in gioco diversi fattori da valutare e se conoscete poco o nulla a riguardo oggi vi chiarismo io le idee.

Vediamo insieme come scegliere la macchina del pane senza tralasciare alcun dettaglio.

La capienza e le dimensioni

Senza dubbio la prima discriminante da guardare è la capienza. Questa scelta va fatta in base a quanto la famiglia sia numerosa: un conto se si vive da soli o in coppia, un altro è se il pane va fatto per una famiglia di molte persone.

In base a questo va scelta in primis la macchina del pane, la quale può avere in genere una capienza che va dai 0,4 ai 2 kg; ovviamente questo primo fattore incide molto sul prezzo, ma del resto come spesso accade la comodità si paga.

La capienza è da scegliere anche in base al fabbisogno di pane durante il corso della settimana, perché considerate che questo (conservato adeguatamente) si mantiene anche per 3-4 giorni.

Macchina del pane compatta sul bancone della cucina

Molto importante è poi verificare che nel caso di una macchina di grande capienza ci sia anche la funzione per impastare quantità minori.

Oltre a tutto questo, bisogna poi fare i conti con le dimensioni e lo spazio: la macchina del pane lavora ad alte temperature e ha bisogno di aereazione ma anche di spazio per l’apertura e la chiusura del coperchio.

Il mio consiglio è quello di individuare lo spazio giusto prima di procedere all’acquisto, meglio se una volta posizionata la macchina non viene più spostata.

Se questo non è possibile è da considerare poi un altro fattore, il peso: maggiori sono le dimensioni e la capienza e maggiore sarà poi il peso.

Potenza, stabilità e pale

Decisa quale sia la capienza giusta della vostra macchina del pane, diamo uno sguardo ad altre specifiche tecniche che sono da valutare.

La potenza del motore è importante, ma fino ad un certo punto; certo la macchina deve essere efficace nella lavorazione, ma in questo caso quello che fa la differenza è la stabilità. È rilevante, infatti, che l’elettrodomestico non si muova durante l’utilizzo: le vibrazioni non faranno altro che rovinare, nel tempo, le parti meccaniche del prodotto.

Attenzione c’è da dare anche alle pale. Per le macchine del pane che superano i 1,2 kg vi consiglio modelli che ne propongono 2. Se ci sono poi esigenze di celiachia, è essenziale che le pale siano alte altrimenti il pane senza glutine non si impasta bene.

In questi casi la scelta della giusta macchina del pane è essenziale, così da poter essere autonomi nella produzione e aggirare l’ostacolo di intolleranze e allergie.

Programmi, funzioni ed opzioni

Come tutti i più moderni elettrodomestici, anche la macchina del pane può avere diversi programmi; sebbene questi non siano discriminanti sulla qualità della macchina, è bene darci un occhio prima dell’acquisto.

I programmi possono essere pochi ed essenziali oppure anche diversi ed evoluti.

4 in generale sono i programmi base che si trovano: quello per il pane bianco, per il pane integrale, il programma rapido e quello del solo impasto.

Display della macchina del pane visto da vicino

A questi se ne possono aggiungere degli altri, specifici cicli che vanno ad attuare una speciale panificazione che nello standard impiega 3 ore. Sono quello per il pane normale, per quello dolce, per il pane veloce e per quello alla francese. Ognuno di questi programmi ha poi delle proprie peculiarità con temperature e tempi di lavoro e cottura diversi.

Tra le funzioni che possono essere disponibili c’è anche quello dell’avvio programmato, che permette di impostare la macchina ad un preciso orario per entrare in funzione successivamente, magari di notte per trovare il pane fresco al mattino, o anche azionandola al mattino prima di uscire per andare a lavoro e trovarlo la sera. I modelli più professionali consentono di programmare l’elettrodomestico fino a 20 ore prima, altre una dozzina.

Tra le opzioni proposte, su alcuni modelli, anche quella del mantenimento in caldo. A cosa serve? A far mantenere il calore del pane una volta che il ciclo di lavorazione è terminato, così da averlo ancora fragrante e come appena sfornato per un’oretta.

C’è ovviamente anche la possibilità del timer, che lancia un bip nel momento in cui è necessario aprire il coperchio e fare specifiche operazioni per l’impasto e la cottura.

Tutte queste opzioni e funzioni sono tutte comode e rendono la macchina molto intuitiva e comoda da utilizzare; è normale però che all’aumentare delle tecnologie, ne consegue un relativo aumento di prezzo.

Costi e consumi

I costi per una buona macchina del pane non sono eccessivi; partono da cifre anche basse, intorno agli 80 euro, ma per acquistarne una più avanzata ne bastano anche 150. Questo costo iniziale, se utilizzata spesso, viene ammortizzato in poco tempo.

Dall’altro lato c’è da fare i conti con i consumi di corrente. Di primo acchito si può pensare che costi uno sproposito alla lunga, ma nella realtà dei fatti la spesa energetica è esigua, anche meno di 10 centesimi per utilizzo.

Alcuni modelli consigliati

Ora sapete come scegliere la macchina del pane, a seguire invece vi lascio i modelli che consigliamo, tratti dalla classifica delle migliori macchine del pane stilata dalla nostra redazione.

1. IMETEC Zero-Glu PRO

LA MIGLIORE SUL MERCATO

Non costa un accidente, permette la preparazione di 1 kg di pane per volta e secondo i 20 programmi automatici, di cui 11 senza glutine, 5 per farine con glutine e 4 speciali (doppie quantità, marmellate, pizzette, impasto pizza). Ottima poi perché grazie agli accessori in dotazione si possono produrre anche dei buonissimi panini e ciabatte.


2. Panasonic SD-ZB2512

LA SECONDA SCELTA

La Panasonic SD-ZB2512 permette un massimo di 1,2 kg di pane per volta (3 dimensioni, 3 dorature), è caratterizzata da 33 programmi automatici per celiaci e non, ed abbiamo apprezzato il dispenser specifico per il companatico (uvetta, noci, ecc).


3. Moulinex Home Bread Baguette OW6101

QUALITÀ/PREZZO

La Moulinex Home Bread Baguette OW6101 offre un rapporto qualità/prezzo imparagonabile con altri dispositivi. Ha un motore interno da 1650 W che permette la realizzazione di pane in grosse quantità (fino a 1,5 kg), secondo 3 livelli diversi di doratura, anche senza glutine, senza sale o di marmellate e impasti vari.


4. Ariete Panexpress 750 Metal

LA PIÙ ECONOMICA

L’Ariete Panexpress 750 Metal è il modello che consigliamo più economico. La capacità è si contenuta (500 g), ma la costruzione della macchina è ben fatta e troviamo praticamente le funzionalità che siamo soliti trovare in macchine più costose, come la cottura per il senza glutine o il timer programmabile.

Torna su

Iscriviti alla Newsletter

* indicates required