Come sostituire il lievito di birra nelle ricette salate e dolci

Come sostituire il lievito di birra nelle ricette salate e dolci

Dovete preparare l’impasto per la pizza, ma del lievito di birra in casa non c’è traccia? Non c’è problema, perché proseguendo con la lettura scoprirete delle alternative interessanti che forse non conoscevate.

Facile da utilizzare, si tratta del lievito più diffuso e più semplice da trovare, sia fresco nel banco frigo in panetti da 25 gr l’uno, sia secco in barattoli o in bustine, ma anche nella versione istantanea. In realtà però alcune persone non riescono a digerirlo, causando gonfiore addominale, gas intestinale e colon irritabile.

Quindi come sostituire il lievito di birra? Scopriamo insieme tutti gli ingredienti alternativi con cui ottenere il medesimo effetto lievitante.

Come sostituire il lievito di birra… con la birra!

Forse non lo sapevate, ma la bevanda al malto e al luppolo è un valido agente lievitante con cui realizzare ottime pizze in teglia e torte profumate: occorre, però, seguire qualche accortezza per assicurarsi un risultato ottimale.

Si consiglia di utilizzare circa 150 ml di birra per ogni 250 g di farina, avendo l’accortezza di miscelarla agli ingredienti liquidi prima di aggiungere il tutto al composto. Dovete ottenere un impasto morbido e cremoso, denso, uniforme e omogeneo.

Per far lievitare al meglio il composto, vi consigliamo di sigillare la ciotola con del cellophane e di lasciar riposare in frigo per almeno 2 ore. Successivamente, dovete cuocerlo alla massima potenza e mangiare la vostra pizza o la vostra torta calde, proprio perché manca il lievito che ne mantenga la fragranza e l’altezza.

Sostituire il lievito di birra con il lievito madre

Panettone con lievito madre in sostituzione del lievito di birra

Il lievito madre è un lievito del tutto naturale ottenuto con acqua, farina e uno starter che può essere della frutta. Si tratta di un composto che ha tempi di sviluppo molto lunghi ed è formato da microrganismi vivi che necessitano di periodici rinfreschi con acqua e farina.

I tempi di lievitazione sono molto più lunghi rispetto al lievito di birra: per la pizza, ad esempio, si parte dalle 24 alle 72 ore.

La vostra pazienza però sarà ricompensata, poiché il lievito madre sprigiona un profumo inconfondibile, ideale soprattutto per il pane, la pizza e due grandi classici natalizi come il panettone e il pandoro.

Inoltre, la pasta madre non si secca e dura molto di più del lievito di birra.

Come sostituire il lievito di birra con bicarbonato e succo di limone

Una valida alternativa al lievito di birra è il bicarbonato che, se gestito con tutti i segreti del mestiere, può sprigionare ottimi agenti lievitanti. È necessario però aggiungere del succo di limone, con cui attiva una sinergia davvero efficace, soprattutto per la pizza.

Una volta uniti farina e acqua nella boule, aspettate che il composto abbia assorbito tutta la parte liquida e aggiungete due cucchiaini di bicarbonato di sodio assieme a due cucchiaini di succo di limone: la reazione chimica avrà luogo in pochi secondi e vedrete delle bollicine. Aggiungete quindi l’olio, il sale e un pizzico di zucchero.

Procedete a impastare in maniera energica per almeno una ventina di minuti, quindi create un panetto e lasciate lievitare per 2 ore.

Una volta stesa la pizza sulla teglia oliata, infornate alla massima temperatura e consumatela molto calda, altrimenti avvertirete un intenso sapore di bicarbonato.

Non aspettatevi di ottenere il classico cornicione della pizza alla napoletana, poiché il mix di bicarbonato e limone non sprigiona un effetto lievitante così potente; per questo motivo, vi consigliamo questa miscela come sostituto del lievito di birra nelle pizza in teglia e quella tonda alla romana.

Come sostituire il lievito di birra con il cremor tartaro e l’ammoniaca per dolci

Il cremor tartaro viene utilizzato in abbinamento al bicarbonato come agente lievitante e come stabilizzante per i dolci. In questo caso, come sostituto del lievito di birra, vi consigliamo un mix perfetto per pizze, focaccine basse e schiacciate.

Seguite queste dosi:

  • 60 g di cremor tartaro
  • 30 g di bicarbonato
  • 3 g di ammoniaca per dolci
  • 1 cucchiaino di zucchero

Mescolate e unite il composto all’impasto della pizza appena la farina avrà assorbito tutta l’acqua. Unite il sale e, sul finale, l’olio. A questo punto dovete impastare in modo energico e cuocere la vostra pizza (o focaccia) alla temperatura più alta possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su