Come usare la friggitrice ad aria: trucchi ed errori da evitare

L’invenzione della friggitrice ad aria ha riscontrato molto successo in tutti i mercati mondiali. Grazie a questa è possibile preparare i propri fritti preferiti utilizzando meno olio, ma oltretutto il suo funzionamento permette di replicare altri tipi di cottura, come quella in stile rosticceria.

Il problema è che non si tratta di un elettrodomestico intuitivo nell’utilizzo, e aggiungo che sono tante le aziende che lasciano libretti delle istruzioni poco chiari nella confezione d’acquisto.

A seguire quindi vi spiego come usare la friggitrice ad aria al meglio. Vi elenco quei trucchi, che ho imparato sbattendoci la testa, per usare l’apparecchio in sicurezza e ottenere risultati degni di nota.

Come usare la friggitrice ad aria: le best practice

1. Dare un’occhiata al libretto delle istruzioni. Come detto poche righe fa, sebbene alcuni di questi libretti non sono affatto all’altezza del loro compito, è sempre una buona idea consultarli.

Generalmente viene spiegato dove e come si usa la friggitrice ad aria, come pulirla e altri consigli per estendere la sua vita.

2. Non può fare tutto, ma alcune cose le fa davvero bene. Le friggitrici ad aria sono come dei forni a convezione, ma in miniatura. Ciò le rende degli strumenti altamente versatili, molto più di una friggitrice tradizionale.

Pollo intero arrostito nella friggitrice ad aria

Ad esempio le ricette in stile rosticceria vengono benissimo, pollo arrosto in primis (viene succosissimo); è eccezionale per dare la giusta consistenza e croccantezza ad alcune verdure come asparagi, fagiolini, melanzane, peperoni o zucchine.

Chiaramente da il meglio di se nel cuocere i cibi da frigo prefritti, come le patatine, i nugget di pollo, le cotolette, ma anche le alette di pollo o i supplì.

Ma attenzione: questi prodotti si possono fare anche in casa, senza friggerli preventivamente, e quindi cuocerli direttamente nella friggitrice ad aria usando poco olio.

Notate che ho detto “con poco olio”. Si perché alcuni spot pubblicitari potrebbero farvi pensare che con questo elettrodomestico è possibile dire addio all’olio, ma non è affatto così. Ed ecco quindi che arriviamo al terzo punto.

3. Non è sinonimo di “zero olio”. Dato che le friggitrici ad aria cuociono a convezione, come una sorta di tornado di aria calda, se non utilizzate l’olio otterrete quasi sempre delle pietanze secche, dure, al limite del mangiabile.

Un poco di olio farà miracoli. Il consiglio è quello di procurarvi una oliera spray coma quella qui sotto, e utilizzarla sia prima che a metà cottura per creare un rivestimento sottile e uniforme sugli alimenti e ottenere la massima croccantezza.

Consiglio

Non comprate olio in spray, poiché il mix di ingredienti al suo interno sono spesso causa del deterioramento accelerato del rivestimento antiaderente. E poi non conoscete la qualità stessa dell’olio.

4. Asciugare gli alimenti prima della cottura. Asciugate i cibi prima di utilizzare la friggitrice ad aria (se sono marinati, ad esempio) per evitare schizzi e fumo in eccesso.

Allo stesso modo, quando si cucinano cibi ricchi di grassi come le ali di pollo, assicuratevi di pulire e svuotare per bene la friggitrice dal grasso in eccesso.

5. Non riempire troppo il cestello. Il flusso d’aria è il fattore chiave per il corretto funzionamento della friggitrice ad aria. Quindi, non riempiendo eccessivamente il cestello di ingredienti si otterranno sempre risultati migliori, visto che permetterete all’aria di fare il suo lavoro al meglio.

Riempiendo troppo il cestello si ottengono pietanze mollicce, più che croccanti. Si tratta dello stesso principio spiegato nella nostra guida sul come friggere.

Patate arrostite nella friggitrice ad aria

6. Attenzione agli alimenti leggeri. L’aria che circola all’interno può letteralmente far sobbalzare gli alimenti più leggeri, come ad esempio dei nachos fatti in casa.

Evitate queste ricette se la vostra friggitrice ad aria non dispone di un cestello ben sigillato, perché potrebbero essere risucchiati dalla ventola.

Nella migliore delle ipotesi, brucerete il motore. Nel peggiore dei casi, prenderà fuoco.

7. Agitare di tanto in tanto il cestello. In base a come vengono disposte ad esempio le patatine nel cestello, alcune possono venire più o meno cotte di altre. Per evitare ciò agitate un paio di volte, durante la cottura, il cestello.

8. Attenzione al piano di lavoro. Alcune friggitrici ad aria diventano letteralmente bollenti durante l’utilizzo. Attenzione quindi alla resistenza alle alte temperature del piano su cui la poggiate.

Io personalmente la metto sempre su una griglia da forno, così da migliorare l’areazione e far disperdere il calore.

Pulizia friggitrice ad aria

9. Pulire dopo ogni utilizzo. Cestello, griglie e tutti gli altri accessori coinvolti durante l’uso della friggitrice ad aria devono essere subito lavati con acqua calda e sapone.

Oppure, usate la lavastoviglie: la maggior parte delle friggitrici ad aria ha pezzi lavabili in lavastoviglie.

Per approfondire: Come pulire la friggitrice ad aria da cima a fondo

Se ci sono dei rimasugli più ostici da eliminare, immergeteli in acqua calda e sapone per 20-30 minuti. Quindi rimuoveteli con una spazzola.

Per pulire l’interno e l’esterno basta passare un panno umido con un po’ di detersivo per piatti.

IMPORTANTE

Asciugate completamente tutte le parti prima di rimontare la friggitrice ad aria.

La friggitrice ad aria va preriscaldata o no?

Preriscaldamento friggitrice ad aria COSORI

In merito a questo argomento c’è chi la pensa in un modo e chi in un altro. Noi ci siamo fatti questa idea: alcuni alimenti necessitano di uno shock termico immediato, altri no.

Una temperatura più alta sin da subito permette di ottenere quella croccantezza che in tanti ricercano, ma attenzione: alcuni cibi rimarranno crudi dentro (o fuori).

Ad esempio per cuocere un pollo intero, o qualsiasi altro alimento bello spesso che deve essere perfettamente cotto al centro, è sempre meglio non preriscaldare la friggitrice.

Anche per dolci e lievitati è meglio evitare, così da aumentare i tempi di cottura e permettere una doratura decente anche alla base.

Per surgelati pre-cotti, avanzi, verdure e tutti quegli altri alimenti di piccole dimensioni per cui si ricerca croccantezza è invece consigliato preriscaldare la friggitrice ad aria.

Lo stesso discorso vale per quei tagli di carne che devono risultare scottati all’esterno e succosi all’interno, come le alette di pollo o le costolette di maiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su