Come usare la planetaria? Guida step-by-step

Come usare la planetaria

Negli ultimi anni, un numero sempre maggiore di persone ha scoperto la passione per la cucina e in particolare per la preparazione di impasti per realizzare in casa un ottimo pane e delle fragranti brioche. La lavorazione può avvenire seguendo un metodo tradizionale direttamente con le mani, ma per rendere tutto il lavoro più semplice si può ricorrere all’aiuto di un moderno elettrodomestico: la planetaria. Come dice già il suo nome si tratta di un prodotto che riproduce una serie di movimenti rotatori, del tutto simili a quelli di un pianeta, che permette di ottenere degli impasti lisci e omogenei.

Di seguito cercheremo di spiegare a cosa serve e di fornire delle utili indicazioni su come usare la planetaria nel migliore dei modi.

A cosa serve la planetaria

Fino a pochi anni fa, la planetaria era ritenuta un elettrodomestico superfluo in cucina in quanto le diverse preparazioni potevano essere realizzate tranquillamente a mano. Oggi però riveste un’importanza quasi primaria in cucina, soprattutto per coloro che amano preparare il pane in casa, dolci e qualsiasi prodotto che preveda una lievitazione: si tratta infatti di preparazioni che richiedono parecchio tempo di lavorazione e che potrebbero addirittura provocare la rottura di un comune sbattitore. Inoltre, sono ideali in tutti quei casi nei quali si ha poco tempo a disposizione per le preparazioni, velocizzando notevolmente i tempi di realizzazione.

Come usare la planetaria

L’uso di questo elettrodomestico non presenta particolari difficoltà e dopo aver effettuato un po’ di pratica si otterranno delle preparazioni del tutto simili a quelle di una panetteria o pasticceria. Gli elementi per usare una planetaria in modo corretto sono due:

  • Gli ingredienti devono essere amalgamati di volta in volta ad una velocità bassa in modo da non farli uscire dal contenitore, e solo nel momento in cui risultano ben mischiati si può aumentare la velocità
  • Avere la giusta attenzione sui tempi di lavorazione in quanto alcune preparazioni richiedono tempi molto brevi mentre altre possono arrivare e superare i 30 minuti

Gli accessori della planetaria

Ogni planetaria dispone di una serie di accessori, rappresentati nello specifico da diversi tipi di fruste da utilizzare in base alla preparazione che si dovrà effettuare. In linea di massima sono sempre presenti:

  • Frusta a filo
  • Frusta piatta
  • Gancio

La prima tipologia di frusta è molto simile a una comune frusta che si usa a mano, cioè composta da tanti fili metallici e che si presta all’utilizzo di preparazioni che prevedono che siano amalgamati composti liquidi o simili, nei quali è anche necessario che sia incorporata aria, come ad esempio per preparare il pan di Spagna.

Diversamente la frusta piatta si usa in tutte quelle preparazioni dove gli ingredienti da amalgamare non risultano né liquidi né duri o compatti, come la pasta frolla o la pasta fresca. Può essere usata anche per la preparazione di dolci che si presentano densi prima della cottura, come muffin o cupcake.

Per tutti gli impasti lievitati è d’obbligo invece utilizzare la frusta a gancio in quanto la lavorazione di questo tipo di pasta richiede una certa energia nonché un tempo prolungato di impasto. La particolare forma di questa frusta, abbinata al continuo movimento rotatorio della planetaria, assicurerà inoltre che tutti gli impasti saranno perfettamente lisci ed omogenei e soprattutto senza la presenza di alcun tipo di grumo.

La necessità di un’idonea manutenzione

Fondamentale per mantenere inalterate nel tempo le prestazioni della planetaria è un’accurata pulizia al termine dell’utilizzo, anche per rispondere ad un’esigenza di carattere igienico. La presenza di residui di impasto potrebbe, indurendosi nel tempo, provocare il malfunzionamento e in alcuni casi anche la rottura dell’elettrodomestico. La pulizia non richiede difficoltà in quanto nella maggior parte dei casi i cestelli sono realizzati in acciaio inox, facilmente smontabili e da riporre anche in lavastoviglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su