Miglior bollitore elettrico 2020: Guida all’acquisto

miglior bollitore elettrico

Quali sono i migliori bollitori elettrici del 2019?

Il miglior bollitore elettrico in commercio

Il miglior bollitore elettrico qualità/prezzo

Il bollitore elettrico più venduto

Il bollitore elettrico più economico

Perché acquistare un bollitore elettrico?

L’acquisto di un bollitore elettrico porta con sé innumerevoli vantaggi, sia in termini economici (quindi, risparmio sulle bollette), che in termini pratici.
Quante volte vi è capitato di dimenticare il pentolino sul fornello e al vostro ritorno l’acqua era completamente evaporata? Per non parlare del rischio che si corre lasciando una fiamma accesa senza alcun controllo.

Ebbene, acquistando un bollitore elettrico non dovrete più preoccuparvi di questi inconvenienti.

Innanzitutto, è un elettrodomestico estremamente veloce, che vi permetterà di preparare una buona tazza di tè caldo in men che non si dica: l’acqua, infatti, raggiungerà i 100 gradi in circa 3 minuti (un microonde, invece, ne impiegherà quasi circa il doppio), con un notevole risparmio di energia elettrica e gas.

Quasi tutti i modelli sul mercato sono, inoltre, dotati di un particolare sistema con timer e termostato che consente al bollitore di spegnersi automaticamente una volta raggiunta la temperatura desiderata.

Queste due caratteristiche fanno si che questo pratico utensile sia perfetto per coloro che non hanno a disposizione molto tempo per preparare la colazione o, semplicemente, per le mamme che al mattino si trovano a doversi destreggiare tra la preparazione di un tè caldo e la necessità di assicurarsi che i figli siano pronti in tempo per la scuola.
Vi basterà impostare la temperatura, avviare il bollitore e dedicarvi ad altro, senza dovervi preoccupare di tornare in tempo per spegnere il fornello.

Come scegliere il miglior bollitore elettrico?

Data la cospicua varietà di modelli presenti sul mercato, per orientarsi nell’acquisto di un bollitore elettrico è necessario prestare attenzione a due fattori tra essi correlati: le vostre necessità personali e le caratteristiche tecnico/funzionali del bollitore (ossia, capacità, materiali impiegati per la sua costruzione e prestazioni), che possono variare in base al modello prescelto.

Il sistema di funzionamento è molto semplice e intuitivo: tutti i bollitori in commercio sono costituiti essenzialmente da una caraffa (all’interno della quale va inserita una quantità d’acqua più o meno elevata a seconda della capienza) e una base staccabile alimentata a corrente, sulla quale sono, di regola, presenti i pulsanti che vi permetteranno di avviare il bollitore.

Nei bollitori in vetro o plastica, la capacità massima dell’elettrodomestico è di solito indicata da una scala graduata posta su un lato della caraffa; mentre, nel caso in cui il corpo del bollitore dovesse essere scuro (come accade, ad esempio, in quelli in acciaio), il livello dell’acqua sarà comunque visibile grazie ad una piccola finestrella trasparente.

Una volta inserita la quantità d’acqua necessaria, sarà sufficiente selezionare la temperatura desiderata e attendere pochi minuti. Come sopra accennato, i modelli più recenti sono dotati di un termostato che consentirà all’elettrodomestico di spegnersi in completa autonomia una volta raggiunta la temperatura preimpostata (caratteristica che spesso incide sul prezzo finale).

Per quanto concerne le caratteristiche principali da soppesare prima di acquistare un bollitore elettrico, è innanzitutto necessario valutare la capacità in litri della caraffa.

Altra caratteristica da tenere bene in conto è la qualità dei materiali di cui il bollitore si compone, che possono essere più o meno durevoli nel tempo: sul mercato ne esistono in vetro pyrex, plastica o acciaio inox, ma ciò non toglie che a fronte di una spesa minima per l’acquisto di un bollitore in plastica si possano riscontrare buone caratteristiche simili a quelle dei bollitori in vetro o acciaio (i quali però sono anche più facili da pulire).

Infine, è necessario valutare la potenza del piccolo elettrodomestico orientandosi su quanto sufficiente per soddisfare i propri fabbisogni personali, trovando il giusto rapporto qualità-prezzo ed evitando di incorrere in un inutile dispendio di corrente elettrica per risparmiare, invece, sulla bolletta.

Bollitore elettrico: quali sono i prezzi?

Il costo di un bollitore elettrico varia notevolmente in base alle caratteristiche e qualità sopra elencate, e può oscillare dai 20 euro (per i modelli in plastica di piccole dimensioni), sino ai 100 euro (per i modelli in vetro o acciaio più all’avanguardia e con funzionalità aggiuntive).

Non deve, però, essere il solo prezzo a decretare quale sia il miglior bollitore da acquistare: la scelta va fatta tenendo principalmente conto dell’utilizzo che se ne intende fare e, dunque, delle caratteristiche che il bollitore deve necessariamente possedere per soddisfare al meglio i vostri bisogni, calibrando la scelta in base al rapporto qualità-prezzo senza inutile dispendio di denaro ed energia elettrica.

Quali sono le migliori marche?

La grande diffusione di questa tipologia di elettrodomestici ha fatto si che molte aziende, tra cui anche le più note, si siano nel tempo dedicate alla loro produzione.
Date le caratteristiche dei bollitori d’acqua elettrici, è consigliabile affidarsi a produttori esperti, in modo da scongiurare qualsivoglia inconveniente (perdita d’acqua, consumo eccessivo, ecc.) e non doversi disfare del prodotto al primo problema.

La marca migliore da scegliere non è quella più conosciuta o più costosa, ma certamente quella nella quale avete maturato maggiore fiducia, che sia in grado di garantire una tempestiva, lunga ed efficace garanzia post-vendita sul prodotto acquistato, ma che offra anche la possibilità di preservare il prodotto mettendo a disposizione della clientela una vasta gamma di pezzi di ricambio (specie quelli più soggetti ad usura).

Acquistando un prodotto di bassa fascia possibilmente prodotto da un’azienda che non si occupa principalmente di questa tipologia di prodotti, risparmiereste sicuramente sul costo iniziale, ma, per contro, non avreste alcuna garanzia in ordine alla risoluzione di eventuali possibili problemi di funzionamento (non potendovi rivolgere ad un centro assistenza dedicato), nè possibilità di reperire con facilità pezzi di ricambio (molto spesso inesistenti poiché il prodotto è stato messo a punto solo occasionalmente).

Tra le aziende produttrici più rinomate in grado di offrire ottimi servizi di assistenza clienti e, soprattutto, specializzare nella produzione di elettrodomestici destinati a durare nel tempo, si possono segnalare (senza presunzione di esaustività): Bosch, Philips, Ariete, Moulinex, Kenwood e Russell Hobbs.

Scopri altri elettrodomestici per la colazione

Montalatte elettrico


Tostapane

Macchina da caffè

Caffettiera elettrica

Macinacaffè

Yogurtiera