Migliore batteria di pentole 2020: Guida all’acquisto

Migliore batteria di pentole Guida all'acquisto

Volete rinnovare la vostra cucina con del nuovo pentolame? Vi consigliamo di acquistare una batteria di pentole. Si tratta di un set che comprende pentole (comprese di coperchio) di varie forme e dimensioni, ma spesso anche extra come padelle e piastre.

Fatelo innanzitutto perché un pacchetto simile vi farà risparmiare molti soldi rispetto all’acquisto di ciascun pezzo singolarmente. Inoltre offre il vantaggio di avere a disposizione strumenti con le stesse caratteristiche in cottura.

Durante l’acquisto fate attenzione ad una cosa: un set da 24 pezzi non significa che ci sono 24 pentole, perché nel conteggio sono inclusi i coperchi, ma anche accessori secondari come mestoli e simili.

Detto questo, a seguire abbiamo raccolto le migliori batterie di pentole. Non le abbiamo scelte a caso, ma al contrario abbiamo considerato le nostre (vere) esperienze con il pentolame delle marche più conosciute sul mercato italiano.

  • Avete un piano a induzione? Allora date un’occhiata alla nostra selezione delle migliori batterie di pentole a induzione.

Migliori batterie di pentole del 2020

Scegliere la migliore batteria di pentole: i fattori da considerare

Sono diversi i fattori da considerare nella scelta della migliore batteria di pentole per le proprie esigenze. Li abbiamo riassunti nelle righe seguenti, in ordine d’importanza.

Materiali

Come sappiamo, le migliori pentole possono essere costruite utilizzando materiali molto diversi fra loro, e nella scelta dovete considerare le vostre abitudini ed esigenze.

Le migliori batterie di pentole sono quelle in acciaio inox

L’acciaio inox è un materiale nobile, molto resistente ma caratterizzato da una scarsa conducibilità termica. Questo significa che non trasferisce con rapidità il calore agli alimenti, e ciò lo rende ideale per le cotture ad immersione (fritture, zuppe, minestre, brodi, bolliti, brasati, stufati).

Negli ultimi tempi però è molto popolare il pentolame contenente un mix di acciaio e alluminio (chiamato anche alu-inox), che si scalda con uniformità e si presta a praticamente qualsiasi tipo di cottura.

L’allumino anche è molto usato in cucina, soprattutto in quelle professionali. E’ meno resistente alle temperature alte (rispetto all’acciaio), ma è leggero, si scalda velocemente ed è economico, tant’è che spesso fa da base per pentole e padelle antiaderenti.

le batterie di pentole antiaderenti sono le più versatili

In merito ai materiali antiaderenti, il teflon la fa da padrone perché si tratta del rivestimento più economico. E non preoccupatevi, non fa male se senza PFOA (leggete le etichette).

Negli ultimi anni è molto popolare anche il rivestimento in pietra. In realtà si tratta di teflon “potenziato” da particelle minerali, ed è il non plus ultra tra i materiali antiaderenti, perché molto resistente.

Continuando con la rassegna di materiali, non scordiamoci del rame. Le pentole in rame sono molto costose, ma si tratta di un materiale eccellente in termini di conducibilità del calore (meglio dell’alluminio). Di contro richiede manutenzione e stagnatura periodica.

Le migliori pentole sono quelle in rame, ma costano molto

Altri materiali meno diffuso sono il titanio, ancora poco popolare, costoso quasi come il rame e antiaderente naturale, e la ghisa, molto pesante, allo stesso tempo fragile e richiede parecchia manutenzione.

Numero di pezzi

A inizio articolo abbiamo detto che acquistare una batteria di pentole è conveniente rispetto all’acquisto singolo, ma questo è vero se utilizzate tutti i pezzi.

E’ inutile acquistare un set da 24 se poi usate solo un paio di pentole o se, peggio ancora, non avete posto in cucina. Valutate quindi quello che realmente vi serve, le vostre esigenze di cottura e di spazio.

E non scordatevi che spesso il numero è falsato dagli accessori come mestoli e schiumarole.

Nella scelta della migliore batteria di pentole bisogna considerare il numero di pezzi

Coperchi e manici

La batterie di pentole quasi sempre comprendono tra i pezzi i coperchi. Questi possono essere dello stesso materiale della pentola, oppure in vetro. Quest’ultimi sono quelli che preferiamo perché, seppur bisogna farci più attenzione, permettono di controllare l’andamento della cottura senza toglierli.

Per quanto riguarda i manici, tra le varie leghe metalliche l’acciaio inox è la migliore. Quelli di questo materiale ci mettono molto di più a diventare bollenti, e inoltre si possono inserire in forno.

Molto popolari anche i manici rivestiti in silicone o altri materiali che rimangono freddi, ma spesso non si possono mettere in forno.

Compatibilità con il piano cottura

Il titolo dice tutto. Acquistate batterie compatibili con il vostro piano cottura. Ad esempio quelli a induzione richiedono pentole e padelle apposite, mentre per quelli in vetroceramica è richiesto pentolame dal fondo perfettamente liscio e ferroso (preferire l’acciaio inox, abolito il rame).

Via libera per fornelli a gas o elettrici, per i quali però è meglio optare per pentole migliori dal punto di vista di spessore e resistenza.

Marche e prezzi

Durante i nostri test prendiamo in considerazione soltanto marche conosciute e che soprattutto hanno esperienza alle spalle. Ciò non significa che teniamo presente solo di aziende per alta cucina, ma molto semplicemente non consigliamo pentolame di brand sconosciuti, sotto-marche e simili.

Negli anni ci siamo resi conto che il prezzo è influenzato in minima parte dalla marca, perché il grosso lo fa il materiale della batteria di pentole. Chiaramente ci sono delle eccezioni e questo è vero tenendo in considerazioni solo aziende serie.

Domande frequenti sulle batterie di pentole (FAQ)

Meglio tanti o pochi pezzi?

Aldilà della questione spazio, se nella vostra cucina usate solo un tipo di materiale preferite con un set bello grande risparmierete molti soldi. Se vi piace mixare tra acciaio, rame e via dicendo, potreste optare per più set da pochi pezzi.

Il teflon è sicuro?

Il teflon (PTFE) non è pericoloso per la nostra salute, anche se ingerito. Quello che fa male è il PFOA, ma ormai le padelle di oggi non lo contengono (leggete le etichette).

Come faccio a sapere se il set è adatto per il piano a induzione?

Il pentolame per funziona sul piano a induzione deve avere il fondo ferroso, ovvero in ghisa, ferro, acciaio, acciaio smaltato e acciaio inox. La compatibilità è sempre segnalata nelle specifiche tecniche (ormai è un vanto).

Il prezzo è un fattore così importante?

Ni. Per batterie di pentole antiaderenti, visto che non durano decenni, potreste anche cercare di risparmiare. Per materiali più nobili, come l’acciaio inox (o alu-inox), non pensate tanto al prezzo: verrete ripagati negli anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su