Migliori padelle antiaderenti 2021: Guida all’acquisto

Migliori padelle antiaderenti Guida all'acquisto

Di padelle antiaderenti in commercio ce n’è per tutti i gusti, da quelle più economiche a quelle più costose, da quelle di marche sconosciute a quelle di marche stra-blasonate.

Ma effettivamente, quali sono le migliori padelle antiaderenti?

Negli anni abbiamo avuto modo di testarne a decine, e se non avete più voglia di spendere soldi alla cieca date un’occhiata alla nostra selezione. Siamo sicuri che troverete quella che fa per voi.

Migliori padelle antiaderenti del 2021:

Pentole Agnelli Svasata Alta

Best seller della categoria, risalta rispetto ad altre marche per la resistenza del rivestimento antiaderente in teflon (senza PFOA). Questo modello è caratterizzato da bordo alto e diametro variabile, da 20 cm a 40 cm. Consigliamo anche la versione dallo spessore di 5 mm, ancor più resistente, e quella compatibile con i piani a induzione.

Pentole Agnelli Svasata Bassa

Si tratta della stessa padella Agnelli vista poco fa, ma questa si differenza per il bordo basso.

Lagostina Effetto Rame Antiaderente

Tra le migliori padelle antiaderenti, la Lagostina Effetto Rame Antiaderente è quella che offre il miglior rapporto qualità/prezzo sul mercato. Il rivestimento antiaderente è lavabile in lavastoviglie senza PFOA, cadmio o piombo. Consigliata anche la versione per piani a induzione.

Wok Lagostina Antiaderente

Wok Lagostina con rivestimento antiaderente di ultima generazione ideale per saltare la pasta, friggere, stufare, rosolare o addensare le salse. Ottima anche la versione per piani a induzione.

Moneta Etnea per Crepes

Questa padella per crepes Moneta Etna non è la più economica sul mercato ma il rivestimento antiaderente è molto resistente e oltretutto garantisce una cottura uniforme a crepes e piadine.

Scegliere la migliore padella antiaderente: i fattori da considerare

considerare materiale nella scelta della migliore padella antiaderente

Sono diversi i fattori da considerare nella scelta della migliore padella antiaderente, ma il più importante è senza dubbio il materiale utilizzato nella sua realizzazione.

Se una volta vi era la credenza che il rivestimento antiaderente fosse cancerogeno, oggi non è più così in quanto ormai le moderne padelle antiaderenti in Teflon (le più popolari) sono sempre caratterizzate dalla dicitura “senza PFOA” (acido possibilmente cancerogeno per l’uomo).

Oggigiorno quindi la questione materiale non riguarda tanto la sua possibile tossicità, quanto più una questione di resistenza ai graffi, velocità nel riscaldarsi e diffusione uniforme del calore.

Senza dilungarci troppo, i materiali da preferire sono il teflon, lo smalto porcellanato, la ceramica, l’alluminio anodizzato o le padelle in pietra.

valutare anche spessore e peso della padella

Il secondo fattore da considerare è lo spessore del fondo. Le padelle antiaderenti migliori non sono troppo sottili, così da non deformarsi sotto alte temperature. Ciò potrebbe incidere negativamente sul rivestimento interno e sulle cotture.

Tra gli altri fattori non è da snobbare il peso. Una padella troppo leggera è molto spesso sinonimo di bassa qualità, però una troppo pesante potrebbe essere scomoda per qualcuno.

Il consiglio è di trovare la giusta via di mezzo, o preferire quelle in materiali più leggeri come quelle in pietra.

L’ultimo fattore da prendere in considerazione è il manico. Non deve essere troppo pesante, così da sbilanciare la pentola antiaderente stessa, e non deve essere in un materiale che diventa bollente (preferire rivestimento termico o acciaio inox).

Domande frequenti sulle padelle antiaderenti (FAQ)

Il rivestimento antiaderente è pericoloso per la salute?

No. Come spiegato sul sito della Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro, “la potenziale pericolosità dei tegami antiaderenti è legata alla presenza dell’acido perfluoroottanoico (PFOA)”, quindi basta acquistare padelle con la dicitura “senza PFOA”.

Come pulire una padella antiaderente?

Si deve procedere quando si è completamente raffreddata (lo shock termico provoca il distaccamento del rivestimento) e preferite spugne/panni non abrasivi, salvo diverse indicazioni della casa madre. In caso di bruciature potreste usare una soluzione di acqua/bicarbonato o acqua/aceto.

Quando si deve buttare una padella antiaderente?

Semplicemente quando il rivestimento antiaderente comincia a staccarsi o quando il cibo comincia ad attaccarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su