Migliori tegami 2020: Guida all’acquisto

Migliori tegami Guida all'acquisto

Cos’è un tegame? Essenzialmente una padella svasata che, al posto del manico, presenta due maniglie, ed è sempre accompagnata dal giusto coperchio.

Si tratta di un prodotto che non deve mai mancare, utilizzato da grandi chef, aspiranti cuoci o semplicemente amanti della buona cucina per preparare soprattutto brasati, stufati o arrosti; insomma tutte quelle cotture lunghe che richiedono tanta umidità, e magari una rosolatura iniziale violenta.

I tegami più piccoli sono ottimi anche per preparare le uova all’occhio di bue, chiamate per l’appunto uova al tegamino.

Migliori tegami del 2020

Ma quali sono i migliori tegami sul mercato? Difficile dirlo, visto che la proposta è molto ampia. Fortunatamente abbiamo provato nel tempo quelli delle migliori marche, e a seguire abbiamo raccolto quelli più validi.

Colì maioliche & terrecotte è un’azienda salentina specializzata nella produzione di ceramiche e terrecotte, tra le più famose al mondo. Il suo prestigio è evidente anche in questo tegame in terracotta 24 x 12, che abbiamo usato con piacere per preparare ricette tradizionali gustosissime.


Amiamo il pentolame antiaderente Aeternum, e questo tegame non è da meno. Disponibile in 3 opzioni di diametro, è compatibile anche con l’induzione ed è il massimo per gli amanti delle ricette con pochi grassi.


Gli amanti dell’alluminio puro ameranno questo tegame marchiato Pentole Agnelli. Disponibile in diametro variabile, da 20 cm a 50 cm, è comodo da utilizzare grazie alle maniglie in acciaio inox, ma non è compatibile con i piani a induzione.


Altro tegame Pentole Agnelli, diametro da 20 cm a 40 cm, ma in questo caso in alluminio e rivestimento antiaderente, chiaramente di eccellente qualità.


Il pentolame Le Creuset è in genere molto costoso, ma può durare davvero per anni. Consigliamo ai fan della ghisa questo tegame, disponibile nei formati da 26 cm e 30 cm, e in ben 9 colorazioni. Chiaramente è disponibile nella dotazione il coperchio, e si può usare sia sul piano a induzione che nel forno.


Si tratta di un tegame semplice, antiaderente, con coperchio in vetro temperato e due maniglie termoresistenti, adatto all’induzione. Ottimo se consideriamo il rapporto qualità/prezzo. Appartiene alla linea di prodotti creata in collaborazione con lo chef Simone Rugiadi.


Ottimo tegame in acciaio inox 18/10, disponibile nelle due misure da 24 cm e 28 cm. Si può usare su qualsiasi tipo di piano cotture, e apprezziamo la qualità dell’acciaio utilizzato: robusto e si pulisce in un attimo.


Un tegamino Moneta semplice, antiaderente, con diametro da 16 cm. Fa il suo senza problemi, ma non si presta per l’induzione.

Iscriviti alla Newsletter

Per ricevere via email coupon esclusivi, offerte limitate e gli ultimi articoli sugli strumenti da cucina. Niente spam, provare per credere!

Scegliere il miglior tegame: i fattori da considerare

Siete alla ricerca del miglior tegame tra le diverse alternative presenti sul mercato? Come effettuare una scelta ottimale valutando le diverse caratteristiche?

Uno dei parametri che vi consigliamo di considerare con molta attenzione è la qualità dei materiali con i quali è realizzato il tegame, in quanto risulterà fondamentale per la buona riuscita dei vostri piatti; a seguire poi dovrete valutare anche la forma e la dimensione dello stesso.

Di seguito, quindi, cercheremo di fornirvi della linee guida generali per fare in modo di scegliere un tegame di ottima qualità.

Caratteristiche strutturali

Uovo all'occhio di bue in un tegame piccolo

Nella scelta del vostro tegame, come detto in precedenza, dovrete valutare con attenzione le dimensioni; questa caratteristica infatti farà in modo che lo stesso possa essere utilizzato per preparare pietanze per una sola persona o per l’intera famiglia.

Una particolarità dei tegami di piccole dimensioni è la denominazione, sono infatti comunemente conosciuti con il nome di tegamino e il loro utilizzo prevalente è quello della preparazione di frittate o uova fritte, fattore che ha dato vita all’espressione uova al tegamino.

Materiali

Tegame in terracotta

Se vi state chiedendo come sono realizzati i tegami, vi indichiamo subito che i materiali possono essere diversi diversi, anche se quello maggiormente utilizzato è la terracotta, che presenta l’importante vantaggio di trattenere a lungo il calore; ciò lo rende particolarmente indicato per la preparazione di zuppe.

Altri materiali da considerare in alternativa alla terracotta sono l’acciaio inox e il ferro, entrambi ottimi per le cotture più lunghi, come brasati, stracotti e zuppe.

Nel corso degli anni, il tegame è stato realizzato anche in rame, ghisa o alluminio, in virtù dell’elevata conducibilità di calore di questi materiali; spesso, quelli in alluminio presentano un particolare rivestimento antiaderente che evita che i cibi possano attaccarsi durante la cottura.

Tegame antiaderente

Ovviamente, il nostro consiglio è quello di effettuare la vostra scelta tra i vari tipi di materiali in base alle vostre esigenze e all’abbinamento del tegame con i fuochi della vostra cucina.

Sicurezza

Grazie ai progressi della tecnologia, oggi i vari modelli di tegami presentano una maggiore sicurezza e diverse forme di tutela nei confronti degli utilizzatori. Oggi potete infatti contare su rivestimenti esterni che proteggono dai metalli poiché potrebbero essere potenzialmente dannosi per la salute e, nel contempo, potete contare anche su manici in materiali isolanti che proteggono dall’eccessivo calore accumulato, evitando così che possiate ustionarvi.

Prezzi e marche

Ultimo aspetto che dovete mettere in preventivo nella scelta del tegame è il prezzo, che cambia in base al materiale utilizzato e alle dimensioni; in linea di massima si parte da un costo minimo di 25-30€, per arrivare a circa 60€ e successivamente a prezzi che possono superare i 100€ per quelli in rame o acciaio inox.

Anche se la scelta dipenderà sempre dai vostri gusti, dalle esigenze e ovviamente dal budget disponibile, vi consigliamo comunque di non cercare il risparmio estremo ma di orientarvi verso prodotti di qualità, che vi ripagheranno nel tempo grazie alla loro vita media più lunga.

Detto ciò, i brand più interessanti e che rispondono a queste caratteristiche sono Pentole Agnelli, Ballarini, Paderno, ma anche Colì Maioliche, Staub, Aeternum e Moneta.


Domande frequenti (FAQ)

D: A cosa serve un tegame?

R: E’ essenzialmente una padella con due manici, e serve per stufare, arrostire, friggere, sbollentare e brasare; quelli più piccoli si prestano molto bene anche per le uova all’occhio di bue.

D: Si può utilizzare un tegame per friggere?

R: Certo che si. La forma è quella di una padella svasata, quindi può sostituire in tutto e per tutto una padella per friggere.

D: Si può usare un tegame sul piano a induzione?

R: Si, bisogna però verificare che la scheda tecnica specifichi la compatibilità. Per quelli in ghisa o acciaio inox non ci sono problemi, per gli altri materiali invece bisogna verificare che il fondo sia adatto per l’induzione.

D: Posso usare un tegame al posto di una casseruola?

R: No, un tegame non sostituisce la casseruola. Possono essere realizzati con gli stessi materiali, ma una casseruola ha i lati più alti per contenere più liquido; al contrario il tegame ha i bordi meno alti, e si presta per quelle cotture lunghe che richiedono meno liquido per la cottura, come gli arrosti.

Torna su

Iscriviti alla Newsletter

* indicates required