Patate in friggitrice ad aria (croccanti e con poco olio)

Le patate sono il contorno per antonomasia, gustosissime e perfette anche per chi sta a dieta (una porzione da 250 g ha 212 kcal). Il problema è che se fatte fritte il contenuto calorico lievita, mentre se fatte al forno ci vuole davvero tanto tempo.

Per tutti questi motivi, in questo nuovo articolo vi voglio mostrare come fare le patate nella friggitrice ad aria. Perché farle con questo elettrodomestico? Perché seguendo questa ricetta si ottengono delle patate fresche croccanti come quelle fatte in padella, ma nella metà del tempo di quelle fatte al forno (consumando anche meno).

Come spiegato nell’articolo su come funziona la friggitrice ad aria, anche in questa ricetta vi è bisogno di usare l’olio, ma in quantità decisamente ridotte rispetto ad altre preparazioni. Pensate che per un kg di patate ne basta un cucchiaio.

Per fare queste patate in friggitrice ad aria abbiamo usato la Proscenic T21 (qui la recensione). Se voi non ne avete ancora una vi invito a leggere la nostra guida sulla miglior friggitrice ad aria da acquistare: lì troverete i modelli che abbiamo provato e che hanno soddisfatto le nostre aspettative.

Patate in friggitrice ad aria (croccanti fuori, morbide dentro)

Come fare Patate in friggitrice ad aria

Ingredienti per 4 persone

  • Patate a pasta gialla 1 kg
  • Olio EVO 10 g
  • Bicarbonato 5 g (1 cucchiaino)
  • Rosmarino q.b.
  • Sale grosso q.b.
  • Sale fino q.b.

Procedimento

Prendete le patate, sbucciatele e tagliatele a tocchetti delle stesse dimensioni, né troppo grandi né troppi piccoli.

Prendete una pentola o una casseruola, metteteci acqua a sufficienza per sommergere tutte le patate e portatela a ebollizione. A questo punto salate l’acqua (10 g per litro d’acqua), mettete il bicarbonato e calate le patate. Riportate a bollore con il coperchio, quindi toglietelo e cuocete a fuoco basso fino a quando le patate non saranno farinose come nella foto qui sotto. Nel mentre sminuzzate grossolanamente il rosmarino.

Il bicarbonato è essenziale per creare un ambiente alcalino, il quale permette di “spappolare” maggiormente la superficie amidacea esterna delle patate. In questo modo il condimento verrà assorbito maggiormente, ottenendo una croccantezza da record per il quantitativo d’olio utilizzato.

Ottenuta la giusta consistenza, scolatele per bene e mettetele in una ciotola. Qui salate, oliate, unite il rosmarino e mescolate per uniformare il condimento.

Preriscaldate la friggitrice ad aria a 200 °C, quindi disponete le patate su tutta la superficie (se non si sovrappongono è meglio). Cuocetele per 15 minuti di fila, scuotendo il cestello ogni 5 minuti. Passato questo tempo, rimuovete il cestello e spruzzate dell’olio EVO su tutta la superficie esterna delle patate. Bastano un paio di puff. Questo passaggio è fondamentale per la massima croccantezza.

Per spruzzare l’olio vi sconsiglio di acquistare una boccettina da riempire, perché l’olio è troppo denso per essere nebulizzato al naturale. Io personalmente utilizzo lo Sprayleggero dei Fratelli Mantova, una soluzione spray di olio EVO estratto a freddo 100% italiano molto saporito.

Spruzzato l’olio, continuate la cottura fino al grado di colorazione che più vi piace. Nella foto qui sopra vi ho lasciato il risultato che rientra nei miei gusti. Le patate con friggitrice ad aria sono pronte, vi consiglio di mangiarle subito per la massima croccantezza!

Quanto ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelle per votarlo!

Voto medio 4.7 / 5. Conteggio voti: 6

Nessun voto fino ad ora! Sii il primo a votarlo!

Suggerimenti

In merito alle patate fresche da usare nella friggitrice ad aria, le migliori in termini di croccantezza finale sono quelle a pasta gialla, ma a vostro piacimento potrete utilizzare quelle che più preferite. Ad esempio si prestano molto bene le patate novelle, sempre a spicchi e anche con tutta la buccia.

Il condimento ovviamente può essere personalizzato a proprio piacimento. A me piacciono al naturale, con sale e rosmarino, ma potete tranquillamente utilizzare aglio, salvia, pepe nero, alloro o per un tocco più orientale della paprika dolce (o affumicata). Ma si potrebbe continuare all’infinito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su